Educare alla tecnologia

Alberto Pellai è medico, psicoterapeuta e ricercatore al dipartimento di Scienze Bio-Mediche dell’Università degli Studi di Milano, dove si occupa di prevenzione in età evolutiva, oltre che autore di molti bestseller per genitori, educatori e ragazzi.
Lo abbiamo intervistato sul rapporto tra nuove generazioni e tecnologia.

 

Dottor Pellai, è possibile “educare” alla tecnologia e in che modo?Educare alla tecnologia è possibile, bisogna imparare a usare gli strumenti, capire a cosa servono. Si educa a un buon uso della tecnologia. Non è sufficiente sapere cosa si può fare, ma anche come: ad esempio come si costruiscono buone relazioni. La tecnologia può essere usata a fini sociali. In alternativa si parla di diseducazione che può portare a fenomeni come il cyberbullismo.

Suddividendo le varie fasce d’età, quali sono le possibilità offerte dall’uso di apparati tecnologici e quali i limiti?
Con gli apparati tecnologici si può intrattenere, divertire e imparare. Queste stesse azioni possono avere una connotazione positiva o essere fatte in modo negativo. Per ogni fascia d’età ci sono apprendimenti e divertimenti adeguati.

Nella fascia 0-6 non c’è bisogno di uno schermo, quindi la fruizione e il palinsesto sono gestiti dagli adulti, chiamati a prestare molta attenzione.

Nella fascia 6-10 vediamo come l’utilizzo della Lim (lavagna interattiva multimediale) amplifichi le potenzialità di apprendimento. Deve esserci una strategia da parte degli adulti, poiché i minori in auto gestione possono cercare cose di cui non hanno bisogno, per non dire dannose.

Dai 9-10 anni dentro l’on-line si iniziano a creare i bisogni relazionali/affettivi. Questa è la dimensione più pericolosa. Si tratta di un approccio difficile nel mondo reale, figuriamoci nel virtuale.

Quando possiamo affermare che l’uso di apparecchi tecnologici diventi una dipendenza? È solo una questione di misura, cioè di “tempo di utilizzo”, di quanto se ne fa uso?

Dipende dalla concreta esperienza del fruitore. Se il benessere viene dato dall’oggetto/esperienza, non si ricerca altro, si investono tutte le proprie energie in esso, allora si parla di dipendenza. Nell’età evolutiva invece è importantissimo cercare e variare le esperienze, affinché gli apprendimenti siano stimolanti e variegati.

Se le chiedessimo una risposta secca: la tecnologia ci imprigiona o ci rende più liberi?
Per la mia esperienza di psicoterapeuta, rispondo effetto prigionia.

Nell’età evolutiva invece è importantissimo cercare e variare le esperienze, affinché gli apprendimenti siano stimolanti e variegati.